Fiori mostruosi

marchesa casati

…Il desiderio di uccidere sorge nell’uomo insieme alla necessità di nutrirsi, e si confonde con essa… questo bisogno istintivo, che è il motore di tutti gli organismi viventi, l’educazione lo accresce invece di frenarlo, le religioni lo santificano invece di maledirlo; tutto concorre a farne il perno su cui ruota la nostra splendida società…
…Un giardino dei supplizi! E Le passioni, i desideri, gli interessi, le avversioni, le menzogne, le leggi, le istituzioni sociali, l’amore, la gloria, le religioni… ne sono i fiori mostruosi: gli osceni strumenti dell’eterna sofferenza umana… »
[Octave Mirbeau.]

Continua a leggere

Come una bambola rotta

giovanisima sottomessa ad abuso denuncia società decadente

Le era stato insegnato fin da piccola che il mondo si divide in chi sta sotto e in chi sta sopra. Quelli che stanno sotto appartengono a quelli che stanno sopra e si può fare di loro ciò che si vuole. Era una visione semplificata dell’esistenza, quella dei neo-feudatari, con vantaggi evidenti a patto di stare dalla parte corretta della piramide.

Continua a leggere

Il fascino delle cicatrici

ragazza gotica si asciuga le labbra con le dita. il piacere di morire. Luca Della Casa

Lea Roteava il bacino in quel suo modo irresistibile, da odalisca esperta, ballerina tropicale, indiana selvaggia. Si fermava, ogni tanto, per scoparmi senza muoversi, flettendo gli addominali; se lo metteva in paradiso, mi avrebbe fagocitato per intero, se avesse potuto, avviluppato come una pianta carnivora soffice e vorace. Ci si perdeva sempre, con Lea, in orgasmi violenti che sembravano non aver mai fine..

Continua a leggere

Espianto: la signora mi amava a morte

donna crudele con guanti di latex tormenta la vittima. Il piacere di morire, romazo nero gotico

 

La signora sembrava aver perduto la gelida espressione indecifrabile e dal suo volto, più magro e tormentato di quanto ricordassi, traspariva il mutare d’innumerevoli stati d’animo, come nubi che correvano sospinte dal vento nel cielo in tempesta. Sorrise, si fece seria, sorrise di nuovo, ebbe una smorfia di scherno, poi disgusto; le sue labbra tremarono lievemente, accompagnate da un leggero tic all’occhio.
Continua a leggere

Fetish party con il morto

assassina con guanti e blusa di latex con gocce di sangue, copertina Fetish party con il morto

Un’ispettrice dai metodi molto sbrigativi e un profiler con doti sconcertanti fanno luce sul mistero di tre omicidi consumati con estremo sadismo. Le indagini conducono a “Non Serviam”, un’organizzazione segreta coinvolta in traffici illeciti, speculazione e riciclaggio. Il nuovo lavoro di Luca Della Casa, il torbido investigatore delle perversioni del potere.

Rizzoli I Kobo I Google Play I Bookrepublic I Ultimabooks I

Continua a leggere

Sangue, amore e latex

donna con guanti di latex rosa per il piacere di morire

photo by LaForet

La mia signora seziona i cadaveri alla ricerca delle cause del decesso. Nessuno è dotato della sua perspicacia nel rinvenire i meccanismi del trapasso e le tenui tracce lasciate dalla morte. All’obitorio è nato il nostro amore strano. Nei profondi sotterranei senza sole. Tra lampade accecanti, tavoli operatori e sangue nero.

Continua a leggere

Troppo tardi per tirarsi indietro

ragazza vestita fetish in lattice nero e trasparente per il piacere di morire

Stava perdendosi per sempre e lo sapeva, da quando era apparsa in scena lei era precipitato ancora più a fondo nei suoi pensieri bui e privi di speranza. Aveva creduto, come uno stupido, d’amarla ed essere amato… le aveva perfino scritto dei versi, da neofita forse, però appassionati; provava vergogna, adesso, si sentiva un idiota.

Continua a leggere

Ancora vivo?

donna gotica con bocca insanguinata il piacere di morire

La vittima, riversa sul letto fradicio, se l’era fatta sotto nel momento del trapasso, era nuda, con i polsi ammanettati dietro la schiena. Fredda carne morta di porcellana con le labbra viola. Scure ecchimosi gli avvolgevano il collo, come neri serpenti, il petto e l’addome erano squarciati.

Continua a leggere

Oscuramento totale

ragazza cybergoth sullo sfondo della maschera di Anonymous da Il piacere di morire

È tutta colpa della Rete, mi sono perso nella rete; nei suoi intestini fradici fatti d’armi, carne umana, droga e terrorismo. Fotto il grande fratello, so come fare. Google, Oracle, Unix, Windows, Java… me li faccio tutti appena posso. Nessun Database può resistermi, ditemi solo dove ed io penetro, io e i miei amichetti virtuali siamo sempre pronti e arrapati.

Continua a leggere